La Processione dei Cornuti (|@|) Costumanze Marchigiane

Lavoro a Magiia

——————————
La processione dei Cornuti (|@|) Costumanze e Usanze Marchigiane
——————————

La tradizione di San Martino è legata anche alla Processione dei Cornuti.
San Martino ne è infatti il protettore. Da un racconto di mia nonna isembra che questa costumanza, ormai scomparsa a Caldarola, nelle Marche, fosse viva durante la domenica della settimana di San Martino.

La settimana successiva toccava invece alle Compagne, nella processione delle Cornute.
La particolarità di questa usanza è che, sembra, chissà perché, che sebbene tutti ne fossero informati, nessuno ammetta d’avervi mai partecipato.

De San Martì ce sta ‘na festa
dei tempi sconosciuti
che se porta sulla testa
come fanno li cornuti

Ce se ‘rtrova tutti in fila
pe’ portà’ la prucissiò’
della cresta meno ambita
come a jiornu de Passiò’

E portenne quillu pesu
de coscienza e de creanza
se fa lu musu offesu
e ce se ‘rrempie anche la panza

La domenica d’appresso
tocca alle mogli sventurate
de tenesse quell’ossessu
e de pelaglie la patata

Dicìa nonna a Caldarola
che succedesse veramende
e bastasse ‘na parola
pe’ portasselo a la mende.

Ma se a chiduno jìe domanni
se ce s’era mai ‘ngondratu
te dirìa: “E’ lunghi l’anni
e non me so mai lamentadu”

E se a chiduno domannassi
se ce fosse statu mai
te dirìa: “Che te dannassi,
non me manca ll’altri guai!”

Cuscì dice quillu dettu
che da tempu se tremanda:
“Chi c’ha li corni in casa
tanto corre e poco canta.”

A San Martino c’è una festa
da tempi assai lontani
che alla gente porta in testa
come come le corna portano i cornuti.

Ci si ritrova tutti in fila
per andare alla processione
dei quella corona meno ambita
come nel giorno di Passione.

E portando questo peso
di coscienza e di buona creanza
si fa la faccia offesa
e ci si riempie anche la pancia.

La domenica successiva
tocca alle mogli sventurate
che convivon con quell’ossesso
e gli pelan le patate.

Diceva nonna che a Caldarola
succedesse veramente
e che bastasse una parola
per riportarsela a la mente.

Ma se a qualcuno tu domandi
se l’aveva mai incontrata
ti risponderebbe: “son passati gli anni
ma non mi son mai lamentato”

E se a qualcuno domandassi
se ci fosse andato mai
te direbbe: “Che ti dannassi!
non mi mancan gli altri guai!”

Così dice quel detto
che da tempo si tramanda:
“Chi c’ha li corni in casa
tanto corre e poco canta.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...