l’ospitalità del merlo e li cantastorie romani – pino pontuali e chiara de biagi

Dicia Peppe de Carella che l’ospitalità è come una cesta de ceresce: se è piena sei felice perché pòli magnà in compagna, se è vòta, sei costrettu a trovà chiduno che venga co’ te pe’ fa la questua. Lo cantà in ospitalità è una delle cose più antiche del mondo e adé più bella se è fatta co’ la passio’.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Pino Pontuali è uno che ne ha viste tante: è un cantastorie e musico raffinato che è stato ospite lu 26 de novembre a sera da Stefano Belà, all’Osteria del Merlo, a Moresco.

Canta’ un repertorio comune e potè ascoltà Pino Pontuali all’organetto e la voce limpida di Chiara De Biagi è sempre un onore.
Le storie di roma o dell’area laziale sono sempre state un serbatorio prezioso per i cantastorie marchigiani.
Spesso le tradizioni musicali e dei cantastorie si muovevano lungo le direttici dei commerci e della pastorizia, lungo i sentieri dei lavoratori, dei mietitori e dei Pastori, con la transumanza.

Un esempio è la storia della Pierina, la storia di una ragazza contesa e uccisa, spesso narrata dai cantastorie e ancora presente in alcuni repertori musicali.

Le canzoni e le storie della tradizione, seppur in declinazioni e accenti differenti, sono legati da versi e fili comuni, portati spesso di valle in valle da musici che sapevano guardare il mondo e raccontare cosa avvenisse al di là dell’orizzonte: Pino Pontuali è un interprete sopraffino, burino, poliedrico, divertente e colto come pochi oggi sanno essere.

La serata all’Osteria del Merlo è finita così come non poteva non finire: a cantare tutti assieme, con Stefano Belleggia, Stefano Belà, Marco Meo, Valerio Sandroni Danilo Campetelli e anche qualche avventore con le naccherrette… roba da Osteria, dirìa Peppe. Ecco le foto..

Annunci

2 thoughts on “l’ospitalità del merlo e li cantastorie romani – pino pontuali e chiara de biagi

  1. Pingback: Giovani e Anziani suonatori – A casa di Valerio « Lu Sprufunnu – storie della tradizione marchigiana

  2. Pingback: Giovani e Anziani suonatori – A casa di Valerio « Lu Sprufunnu – storie della tradizione marchigiana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...